I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sinergia utilizza i cookie.

PER SINERGIA LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.

 

Conseguire Velocity per aumentare la propria competitività In evidenza

07 Settembre 2015
Pubblicato in Competitività
Conseguire Velocity per aumentare la propria competitività Conseguire Velocity per aumentare la propria competitività

Sinergia è orgogliosa del nostro essere italiani.

Sinergia ha come missione quella di aumentare la competitività dei propri clienti per esportare il Made in Italy in tutto il mondo.
Sinergia supporta i propri clienti al raggiungimento di questo obiettivo attraverso i suoi servizi di: progettazione europea, tecnologia, organizzazione e capitale umano.

Ciò premesso, ci sentiamo vicini a quegli italiani come Andrea Pontremoli che, pur non sentendosi secondi a nessuno, sono sempre pronti a prendere qualche segreto per il successo da culture diverse dalla nostra.

E per Sinergia la cultura anglosassone è sicuramente una di quelle da osservare con attenzione specie nell’uso dell’organizzazione come strumento per aumentare gli utili aziendali.

Durante la partecipazione di Sinergia alle attività della BBS, Massimiliano Londei ha approfondito direttamente con Andrea Pontremoli il tema dell’importanza della velocità aziendale.

Di seguito vi riportiamo il "succo della questione", espresso da Andrea Pontremoli e riformulato da Sinergia.

Nell’uso comune quando si parla di velocità, al 99% si parla di "velocità" in Italia e "speed" nei paesi anglosassoni.

In fisica: quando si parla di velocità, nei paesi anglosassoni come in Italia il concetto viene separato in due parole “speed” e “velocity” con significati diversi:

- con il termine “velocity” si intende evidenziare la vera natura della velocità, che deve avere tre elementi: 1) un valore 2) una direzione e 3) un verso;

- con il termine “speed” si intende evidenziare il valore numerico della velocità di un oggetto in un istante a prescindere dalla direzione e dal verso in cui si sta andando.

Se per esempio viaggiate in auto a 90 km/h prima verso est e poi verso nord la speed è la stessa, mentre la velocity no (vedi nota a piè di pagina).

In ambito aziendale gli anglosassoni esprimono la velocità in un modo più raffinato di quanto avvenga nelle nostre aziende. Nei paesi anglosassoni, quando si dice “Le aziende devono essere veloci” si differenzia il tema in due termini:
- “velocity”, velocità lungo una direzione definita;
- e non “speed”, velocità in senso assoluto.

C’è qualcosa da imparare in tutto ciò?

La riflessione Sinergia

In Sinergia abbiamo ritenuto utile far ancora più nostro il concetto e abbiamo cercato di esprimerlo in italiano.
La nostra sintesi è la seguente:

Le aziende devono “progredire velocemente e non in modo caotico/affrettato”
Nota: sappiamo che può sembrare banale ma le cose semplici ed efficaci spesso lo sono.

Come realizzare in pratica questa semplice ed efficace strategia?

In estrema sintesi le aziende per andare veloci ed essere così più competitive hanno bisogno di:

a) darsi una direzione scrivendo Business Plan triennali che includano le strategie per battere sul tempo la concorrenza diretta;

b) darsi un metodo di misura della velocità di attuazione del BP attraverso:

• obiettivi triennali;

• traguardi annuali;

c) comunicare Business Plan, obiettivi e traguardi a tutti coloro che possono contribuire allo scopo;

d) creare progetti che:

• guidino le persone dell’impresa a remare tutti nella stessa direzione;

• migliorino i processi in essere;

e) misurare, almeno trimestralmente, la propria “velocity” rispetto agli obiettivi;

f) attuare azioni correttive per superare gli ostacoli.

Anticipiamo che in un futuro articolo condivideremo con voi come il coaching possa servire a migliorare il processo sopra indicato; a presto.


Autore dell’articolo: Massimiliano Londei Consulente Di Direzione ed Organizzazione, Esperto in tema di Risk Management e Sostenibilità.

Nota: poiché abbiamo molti ingegneri fra i nostri lettori, per un approfondimento più tecnico sulla differenza di questi due termini consultare il seguente link https://en.wikipedia.org/wiki/Velocity.

Letto 1803 volte